Categorie

Pillole di coaching (audio)

Obbligo di rettifica. In pericolo il ruolo dei blogger nella Brand Reputation

Leonardo Milan a Ore 12 di Antenna 3Colgo l’occasione della trasmissione televisiva Ore 12 che è andato in diretta il tre ottobre dalle 12.00 alle 13.00 su Antenna 3 NordEst (si vede sul digitale nel 13 in Veneto e nel 611 in Friuli e Trentino, e mentre siamo su SKY – quindi tutta Italia – nel 513), per pubblicare questo articolo con tanto di estratto video (che lusso, stavolta …)
Il tema che è stato scelto da Piergiorgio Palladin, il conduttore della trasmissione, è Web, opportunità, regole. La trasmissione in questa fascia oraria, ha un’audience, in media, di 70-100 mila persone, circa. Abbiamo fatto opera di evangelizzazione, quindi.
Sono stati trattati i contenuti del nuovo decreto sulle intercettazioni e sull’obbligo di rettifica da parte anche dei blog, alle opportunità di lavoro e business, all’impatto che internet sta avendo sulle dinamiche sociali. Il clima e la gestione della trasmissione è stato quello di un confronto aperto e sereno.
Hanno partecipato, oltre a me,  Giuliamaria Dotto, coordinatrice di Digital Accademia, Marco Frison, creatore di www.localitaly.it, Fabio Capraro, avvocato.

Ecco un ritaglio di 8 minuti, ricavato dalla prima parte della trasmissione, durata in tutto un’ora:

Perché occorre sperare che il parlamento modifichi drasticamente il DDL

In merito al decreto sulle intercettazioni (all’art. 1 comma 29) si prevede che … <<Per i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono>>. In altri termini i “siti informatici”, compresi i blog, quindi, sono equiparati ai “quotidiani e periodici diffusi per via telematica”.
Che cosa accadrà dopo l’approvazione di questo DDL?

  • si scrive, sul proprio sito o blog, qualcosa che non fa piacere alla azienda o alla persona che si sente più o meno coinvolta, offesa o non d’accordo con il contenuto;
  • l’azienda o la persona richiede di rettificare quello che abbiamo scritto, nei modi che più le fanno piacere;
  • il blogger ha due giorni di tempo (48 ore, per la precisione) per pubblicare la rettifica, altrimenti si paga una sanzione pesantissima, intorno ai 12 mila €uro.

Quanti sono i blogger in Italia colpiti da tale provvedimento? Da 1,2 a 1,3 milioni circa, vedi i datti sotto riportati, presi da un’indagine pubblicata in Liquida nel 2010. Tale stima potrebbe estendersi a 5 milioni circa, considerando tutte le pubblicazioni online degli utenti. Se consideriamo i Social Network … oggetto comunque (allo stato delle interpretazioni dell’attuale DDL) del provvedimento, le persone che potrebbero potenzialmente incorrere in tale sanzione potrebbero arrivare a 20 milioni circa, un italiano su tre.

image

Capacità di auto-moderazione della rete

La mia opinione su questo decreto è ovviamente molto critica. In questo modo si vanno a colpire le opinioni e recensioni che i blogger postano anche sui brand, ridando alle aziende un potere di interdizione aggiuntivo alle leggi sulla diffamazione attualmente in vigore.
Questo fatto inficia la realtà del web in Italia e la ricerca di verità e veridicità dei contenuti:

  • La rete si comporta come un organismo e genera anticorpi che reagiscono alle intrusioni e alle mistificazioni. Si passa quasi ad un concetto di verità statistica.
    • chi ha esperienza di community e di social network sa benissimo cosa si intende per auto-moderazione, la capacità che ha la rete e la community di utenti di penalizzare reputare sconvenienti i contributi inappropriati
  • Con ciò dovrebbe crescere l’opportunità di un dialogo costruttivo e partecipativo tra consumatori e brand, cosa che invece il DDL penalizza

imageCercare scorciatoie è sempre pericoloso, legiferare a livello nazionale sulla restrizione della libertà di opinione nella rete internet (internazionale), genera più problemi di quanti ne risolve, sempre ammesso che si voglia risolverli, piuttosto che generare un clima di censura preventiva, come a me sembra.
Ogni canale ha sviluppato (e sta sviluppando) delle caratteristiche diverse (se non uniche) che vanno considerate se non si vuole rimanere bidimensionali. Trattare un sito internet, un blog come una testata giornalistica online (come considerare un Social Network come una chat, un canale video come una televisione, ecc.) è una semplificazione comoda e poco lungimirante.

Le due dimensioni della rete: sociale e istituzionale

“Per ogni problema complesso esiste una soluzione semplice, ed è quella sbagliata” Umberto Eco, Il pendolo di Foucault

Dall’avvento del Web 2.0 determinato dagli UGC (User Generated Content) si è formata una:

  • dimensione sociale (e NON istituzionale) (Blog, Social Network, Social Media, ecc.), dove prevale la condivisione e la reciproca influenza delle opinioni
  • diversa dalla dimensione istituzionale, preesistente all’avvento del web 2.0, una dimensione diversa anche nella struttura visiva e dei contenuti, una dimensione formata dai Siti aziendali, dalle testate giornalistiche, dai portali professionali, tematici, ecc. votati al Topic, al posizionamento, alla reputation, quindi
    • è ovvio che tale dimensione istituzionale è convalidata, riprovata, valutata e recensita dalla dimensione sociale
    • è nella dimensione sociale che si muove l’ambito dei blog e dei Social Network

Travolgere la dimensione sociale degli UGC (User Generated Content) nella dimensione istituzionale, come prevede la norma del DDL che considera “… i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica…” rappresenta un rovesciamento di prospettiva che il linguaggio burocratico, trattiene malcelata nella sua ineffabile ignoranza… lasciando solo il sospetto di voler intimidire senza voler governare i processi evolutivi e le dinamiche stesse della nostra società  fluida e sempre più connessa!

image

© by Leonardo Milan. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Privacy Policy